La trasversale ferroviaria alpina nord-sud :: parte 1

La trasversale ferroviaria alpina nord-sud :: parte 1


Nuovi scenari sul fronte della mobilità e dei trasporti sull’asse Italia-Svizzera-Nord Europa

La trasversale ferroviaria alpina Nord-Sud alternativa al traffico su gomma

Con la recente caduta dell’ultimo diaframma della galleria di base attraverso il Monte Ceneri (CantoneTicino) e dopo la realizzazione del tunnel ferroviario del San Gottardo (il più lungo al mondo!) il progetto AlpTransit di attraversamento ferroviario nord-sud della catena alpina, deciso per volontà del Popolo svizzero, si sta realizzando: avrà certamente influenza sui modi del traffico nelle nostre grandi arterie del movimento di persone e merci.
In sintesi il Governo svizzero propone le Ferrovie Federali come fornitore di un servizio di attraversamento veloce delle Alpi su rotaia -a quota di pianura- dal Mare del Nord al Mediterraneo italiano: al di là dei motivi della politica economica, il fine ultimo è limitare il più possibile il traffico su gomma che si incanala nello stretto corridoio autostradale delle Valli del lago Ceresio e del fiume Ticino, dal Mendrisiotto al Monte Ceneri ed alla Val Leventina, fino alla la galleria del San Gottardo (un imbuto bidirezionale particolarmente lungo e pericoloso, anche psicologicamente disagevole per i conducenti di veicoli gommati).

Giova qui notare che sul finire del febbraio 2016 prossimo è in programma a livello federale svizzero una consultazione popolare per decidere Sì oppure No al progetto di un secondo tubo autostradale nel massiccio alpino del San Gottardo, da combinare al vecchio tubo che necessita intervento tecnico.
I fautori del No vorrebbero evitare l’intensificarsi del traffico su gomma (possibile, con due tunnel) e dei problemi legati all’irrespirabilità dell’aria attorno all’autostrada: così hanno predisposto un piano alternativo alla realizzazione del secondo tubo autostradale, precisamente quello denominato “autostrada viaggiante”, che prevede il trasferimento dei veicoli su convogli ferroviari di AlpTransit in due aree adatte a Sud e a Nord del San Gottardo.
Vale la pena notare che il trasferimento su ferrovia delle automobili (contrariamente a quello delle merci) sarebbe una misura provvisoria limitata al periodo di chiusura della galleria autostradale (tre anni); si vorrebbe mantenere intatta la filosofia del gruppo originario promotore dell’Iniziativa delle Alpi: spingere le persone ad utilizzare gli spostamenti personali utilizzando i convogli veloci.

di Giuseppe Donati :: Cittadino dell’Alto Milanese  – 10 . 02 . 2016

l’articolo è la sintesi ragionata di un costante ed attento osservatorio sulla situazione geografica, politica, economica e sociale di una soluzione strategica.

Base informativa principale:
radio televisione svizzera RSI e siti web del territorio

Sistemazione in tre capitoli della relazione completa:
Giovanni Cattaneo, Cittadino dell’Alto Milanese

ti potrebbe interessare anche

LEAVE A COMMENT