Browsing category mutamento del clima

Egoismo e Scarsa Visione

Egoismo e Scarsa Visione


Trascorsa qualche settimana dalla Conferenza COP 26 sullo stato della Terra, l’analisi degli accordi siglati a Glasgow individua un atteggiamento in parte discutibile: gli interessi particolari dei diversi Stati condizionano pesantemente la qualità delle decisioni prese. Emergono forti sia egoismo sia scarsa visione, mascherati da “stato di necessità”. Vorremmo essere smentiti dalla progettazione del futuro,

Torniamo al “da farsi”

Torniamo al “da farsi”


Nei precedenti pensieri avevamo spesso messo l’accento sul perché la conoscenza del “come fare” non si traduce immediatamente nel “fare” ? La nostra risposta era stata che “si conta su decisioni dei “vertici di potere” ma essi sono troppo annodati nella complessità del Mondo per riuscire a svincolarsi ed agire con la necessaria immediatezza”. Alla fine non ci pare

Codice rosso per la Terra

Codice rosso per la Terra


Per uscirne occorrerà finalmente attivare la cultura del fare positivo. Cosa significa il nuovo allarme lanciato dall’ONU tramite l’Agenzia intergovernativa IPCC per il controllo del Clima terrestre? Dal punto di vista strutturale non ci sono sostanziali novità, ma vengono aggiornati tutti i dati che continuano ad affluire dai numerosi studi internazionali sullo stato della Terra:

I Problemi ambientali sono in Vetrina mondiale. Troppo tardi?

I Problemi ambientali sono in Vetrina mondiale. Troppo tardi?


È iniziato oggi 21 gennaio a Davos il World Economic Forum, classico appuntamento della Politica e dell’Economia e della Finanza internazionali, che sarà particolarmente incentrato sul tema dell’affrontare in modo propositivo i Mutamenti del Clima terrestre. Accanto alle persone istituzionalmente più accreditate è presente anche la giovane attivista svedese Greta Thumberg che è ormai stata

Riflessioni sui Congressi mondiali per il Clima terrestre

Riflessioni sui Congressi mondiali per il Clima terrestre


Si apre oggi a Madrid il 25° Congresso mondiale sullo Stato della Terra in vista del come controbattere adeguatamente ai Mutamenti del Clima. Purtroppo questi Congressi non riescono ad incidere sufficientemente con la necessaria concretezza: i problemi sono enormi e c’è anche chi “rema” contro; poi nessuno vuol fare da solo il primo passo e

Dobbiamo provvedere – Cosa è necessario fare …

Dobbiamo provvedere – Cosa è necessario fare …


Salvaguardare l’ambiente vitale si può, tuttavia non è semplicissimo. Cosa si può fare, cosa non si può -almeno per il momento- fare. Quali i limiti? quali le difficoltà? Se ci informassimo adeguatamente e riconoscessimo l’esistenza concreta di tanti problemi critici per il nostro Ambiente vitale -evitando di schierarci ideologicamente nel negare la nostra responsabilità in

Riflessione: “Quale cultura ambientale?”

Riflessione: “Quale cultura ambientale?”


Abbiamo vissuto in passato e stiamo vivendo oggi il diverso approccio delle persone all’ambiente che le circonda. Come osservavamo nell’articolo precedente, febbraio 2019, il fenomeno di partecipazione sorto per l’attivismo della studentessa svedese Greta Thunberg sta producendo effetti anche maggiori di quelli ottenuti da altri precedenti processi di divulgazione delle conoscenze ricavate da approfonditi studi scientifici.

Discussioni al COP24 sullo stato della Terra: buone novità?

Discussioni al COP24 sullo stato della Terra: buone novità?


Molte divergenze al 24° Congresso sullo stato della Terra, a Katowice. Si finisce con accordi “poco coraggiosi”. La scorsa settimana si è chiuso un nuovo dibattuto Congresso dei rappresentanti governativi incaricati per gli affari ambientali a livello mondiale, il COP 24 tenutosi a Katowice. Dopo una quindicina di giorni di accese discussioni e prese di

la Mano dell’Uomo nel Riscaldamento terrestre: 2 – Negazionismo

la Mano dell’Uomo nel Riscaldamento terrestre: 2 – Negazionismo


Surriscaldamento e Clima: 2 – il Negazionismo dell’intervento umano Avevamo concluso la prima parte dell’argomento con una constatazione un po’ amara circa un certo fatalismo infiltratosi tra le persone. Proprio su di questi indesiderati effetti psicologici aderiscono e proliferano -soprattutto nella Rete della Comunicazione web- ideologie che negano la responsabilità umana nel Surriscaldamento atmosferico e

parlare di energia

parlare di energia

i nostri temi

i nostri temi

i nostri temi

tutti i nostri articoli

powered by

powered by